Non si ancora calmato il “polverone” attorno alla figura del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, da alcuni giorni risultato positivo al Covid-19 assieme alla moglie Jaqueline, tanto da scegliere di recarsi a Roma per guarire il più in fretta possibile.

Denuncia

Diversi esponenti politici e sportivi si sono schierati contro la figura del patron azzurro, additandolo di scarsa prudenza (il sindaco di Napoli De Magistris ha definito il suo un “comportamento censurabile”) e il Codacons intende andare oltre: tra le varie denunce pronte, molte rivolte ad influencer e personaggi più o meno famosi, domattina presenterà alla Procura di Milano anche una per De Laurentiis, accusandolo di epidemia dolosa, principalmente per aver partecipato all’ultima assemblea in Lega Calcio quando era in attesa dell’ultimo tampone effettuato, e nonostante non fosse in perfette condizioni di salute. Altre critiche sono arrivate anche dal virologo Andrea Crisanti che ha definito il comportamento non responsabile, mentre altre figure hanno ritenuto eccessive le critiche piovute sul presidente del Napoli, che ha ricevuto solidarietà da vari “colleghi” nel mondo del calcio e anche dai tifosi azzurri, augurandogli una pronta guarigione

La decisione del Codacons

L’esposto del Codacons così recita: “Alla luce di quanto rappresentato si ritiene necessario fare il quadro della situazione in modo ancor più approfondito considerando che quello della salute nazionale è senza dubbio un interesse di rango primario ritenendosi necessario, opportuno e doveroso accertare se possa sussistere una responsabilità del Patron del Napoli Aurelio De Laurentiis che mercoledì 9 settembre si sarebbe presentato all’assemblea di Lega Calcio di serie A nonostante non stesse bene e senza mascherina, per avere potenzialmente posto in pericolo la sicurezza e l’incolumità’ pubblica, per violazione dell’art. 32 della Costituzione, e per epidemia dolosa e/o per dolo eventuale“.
Insomma, un nuovo capitolo che va ad arricchire una situazione che ha già fatto parlare abbastanza.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here