Amir Rrahmani, difensore dell’Hellas Verona che nella prossima finestra di mercato si trasferirà a Napoli, ha risposto alle domande di una intervista a distanza in diretta su Instagram. Il giocatore è tornato anche a parlare del suo prossimo passaggio in azzurro. La redazione di ForzaNapoli vi propone qui di seguito le sue parole.

“Sto provando ad allenarmi a casa, sappiamo tutti che è diverso rispetto ad allenarsi con la squadra. È più difficile, mancano le motivazioni. I duelli aerei sono un mio punto di forza, faccio fatica a pensare ad un mio difetto. Forse devo migliorare un po’ la mia esplosività. Sono tifoso dell’Arsenal, Thomas Vermaelen era il mio preferito. Era un giocatore speciale: pensavo potesse fare qualcosa in più, ma ha avuto molta sfortuna. Dopo il passaggio al Barcellona si è un po’ fermato, ma mi è sempre piaciuto. Aveva capacità da leader che non tutti hanno.

Guardavo la Serie A da piccolo. Quando sei più giovane ti sembra difficilissima, ma quando ti senti pronto non è così complicato. Non saprei rispondere a quale sia stata la mia partita migliore, sinceramente. Quella con l’Udinese in casa, forse. O le sfide contro Genoa e Sassuolo. Ronaldo, Gervinho e Boga sono quelli che mi hanno messo più in difficoltà: veloci e troppo forti tecnicamente. Di Boga ho visto anche qualche partita al Chelsea, è veramente difficile da marcare.

Quando il Napoli ha manifestato il suo interesse ho parlato con il mister e D’Amico, che mi hanno chiesto di restare concentrato sulla squadra. Io ho dato garanzie, voglio sempre dare il massimo. Il passaggio al Verona? Con la Dinamo avrei giocato in Champions, ma il campionato croato è di livello inferiore rispetto alla Serie A. Poi non avrei potuto firmare con una squadra con il Napoli: fossi rimasto in Croazia sarebbe stato tutto più difficile”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here