È sempre più probabile lo slittamento della ripresa delle attività sportive a metà maggio. Dopo le parole di ieri del ministro dello sport Spadafora, infatti, la sensazione è che il governo e lo stesso ministero prenderanno dell’altro tempo per decidere il da farsi. La ripartenza fissata per il 4 maggio al momento sembra poco realizzabile.

Con la volontà esternata in modo compatto dalla Lega Calcio di riprendere il campionato, la responsabilità delle date – e delle indicazioni da fornire per riprendere in sicurezza – sarà tutta politica. E per questo si attende il confronto tra il ministro dello sport e quello della salute, Speranza. La sensazione, alimentata e confermata dalle parole del premier Conte, è che il governo stia lavorando in queste ore a un indirizzo di ripresa che coinvolga tutti i comparti e a livello nazionale. Servirà ovviamente il tempo per arrivare al 4 Maggio preparati e pronti, con tutte le cose al loro posto.

Prevedendo comunque il movimento di tante persone, ed andando verso il ritorno al contatto fisico, è plausibile che per gli sport di squadra si valuti un ulteriore rinvio, a metà maggio. Un po’ come era stato previsto anche nei giorni scorsi. Attualmente, senza conferme ufficiali per la ripresa prevista per il 4 maggio, i piani per l’organizzazione dei ritiri stanno slittando.

L’ulteriore slittamento della ripresa degli allenamenti all’11 o al 18 maggio comporterebbe, come naturale conseguenza, l’ulteriore ritardo nella ripresa dei campionati. Che andrebbero ad intasare il calendario con gare ogni 72 ore fino a fine luglio o inizio agosto. A quel punto diventerebbe logica conseguenza anche lo spostamento ad agosto delle fasi finali di Champions ed Europa League. Col calendario ipotizzato dall’Uefa, con finali il 28 e 31 Agosto, molto probabili.

A quel punto il Napoli dovrebbe chiudere il proprio campionato il 2 Agosto, e giocare il 7 o l’8 Agosto il ritorno dei quarti di finale di Champions contro il Barcelona. La speranza, a questo punto, è anche quella di vivere un’estate non troppo severa dal punto di vista delle temperature. Oltre i 30°, e con una preparazione solo “rinfrescata”, con partite ogni 3 giorni per 2 mesi di seguito, lo spettacolo non sarebbe certo esaltante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here