Ciro Ferrara, ex capitano del Napoli, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE LIVE”, trasmissione che approfondisce i temi d’attualità legati al Calcio Napoli, condotta da Antonio Petrazzuolo, in onda il giovedì dalle 21 alle 22 su Napolimagazine.com e su tutti i canali social di “Napoli Magazine” (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube). Al centro dell’intervista il racconto del giorno in cui ricevette da Maradona la maglia dell’Argentina che ha messo all’asta, nell’iniziativa “Je sto’ vicino a tté”, per raccogliere fondi in questo momento di emergenza sanitaria e sociale.

“Non ci siamo inventati nulla di nuovo con l’iniziativa ‘Je sto’ vicino a te’. Perché non è la prima volta che calciatori e atleti mettono all’asta i propri cimeli e ricordi per raccogliere fondi. Con la Fondazione Cannavaro-Ferrara abbiamo pensato di dare anche il nostro piccolo contributo, coinvolgendo tanti amici, ovviamente calciatori, tutti napoletani. Donando delle maglie che per noi e credo anche per i tifosi, rappresentano qualcosa di molto importante. Con la speranza di raccogliere un bel po’ di fondi per aiutare chi sta lottando in prima linea, ma anche chi fa fatica a mettere un piatto a tavola.

Io ho ritenuto che fosse arrivato il momento di mettere a disposizione la maglia che forse custodisco più gelosamente, a cui tengo più delle altre. Quella del mio debutto in Nazionale, a Ginevra, nel giugno 1987. Quando in amichevole affrontammo l’Argentina di Diego (Maradona, ndr), che a fine gara mi regalò la sua camiseta. Non dimenticherò mai la notte precedente la partita. Quando Azeglio Vicini, che ringrazierò per tutta la vita per avermi dato la gioia di esordire con l’Italia, mi disse che avrei giocato e mi rivelò che avrei dovuto marcare proprio Maradona. E chi chiuse occhio… Ci sono state già diverse offerte per questa maglia che in 24 ore è già arrivata a 9.000 euro. Chi riuscirà a prenderla farà un doppio affare: avrà una maglia storica indossata da Maradona e contribuirà ad un’opera davvero meritoria.

Io allenatore del Napoli? Il rapporto che mi lega a Napoli e al Napoli non si può descrivere, in questo momento sono proiettato su altri obiettivi. Poi la squadra è guidata molto bene da Rino (Gattuso, ndr), quindi non toccherei nulla. Ogni tanto ci sentiamo, ci scriviamo e gli faccio un grande in bocca al lupo, lo merita davvero. Peccato che il campionato si sia dovuto fermare proprio nel momento in cui la squadra aveva ripreso a giocare come sa, ottenendo risultati importanti, ma questo vale per tutti e quindi, non credo che il Napoli avrà problemi se e quando si ricomincerà”.

Migliori Bonus Scommesse


Sito Web Promozione Attiva Info
Super Bonus di Benvenuto - Ottieni fino a 1000 euro di bonus sui primi tre depositi effettuati
Bonus di Benvenuto - Ottieni subito 10 euro di bonus al primo deposito
Bonus di Benvenuto fino a 350 euro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here